10 dicembre 1945. Nelle sale italiane esce un famosissimo film diretto da Steno ed interpretato da Alberto Sordi: ‘Un americano a Roma‘. Il lungometraggio, nel tempo, è diventato un cult del nostro cinema grazie alla maestria dell’attore romano. Chi non conosce la famosa scena dei maccheroni voracemente divorati da Nando Moriconi? Il film magicamente è divenuto profetico per il nostro calcio: gli americani, infatti, non si sono limitati alla sponda giallorossa del Tevere ma hanno colonizzato le rive calcistiche di Bologna, Venezia e Palermo. Vi immaginate il nuovo presidente rosanero, seduto a tavola, fissare un cannolo siciliano ed affermare:”Cannolo, tu mi ha provocato ed io ti distruggo, io me te magno!” parlando il palermitano stretto? Scena assurda ma forse verosimile. Ieri, infatti, è stata una giornata storica per il Palermo Calcio ed i suoi tifosi: dopo 16 anni di presidenza, Zamparini cede il timone della società siciliana all’italo-americano Paul Baccaglini. La stessa società rosanero, tramite un comunicato stampa, ha reso ufficiale il passaggio di consegne. “Paul ha conosciuto Zamparini un anno fa in occasione della trattativa con Cascio. Dopo il fallimento della trattativa, il fondo di Paul ha manifestato interesse per l’acquisizione del Palermo Calcio e la realizzazione degli impianti sportivi”. Nella nota la società fa sapere che “si è raggiunto un accordo contrattuale dove il signor Paul, in proprio e quale membro fondatore e rappresentante di INTEGRITAS Capital, ha concordato tramite società che lui indicherà entro il 19/04/16 l’acquisto del 100% delle quote del Palermo Calcio, il cui trasferimento dovrà avvenire entro il 30/04/17. Il Presidente Paul ha assicurato la copertura finanziaria per lo sviluppo del progetto sportivo legato a quello tecnico per la costruzione del nuovo stadio e del centro sportivo”.

Soddisfazione massima per l’ormai vecchio presidente rosanero, Zamparini si dimostra ottimista circa il futuro del Palermo:”Le ambizioni di Paul Baccaglini sono quelle di portare il Palermo in Champions League anche grazie alla costruzione dello stadio e del centro sportivo, oggi sono tappe essenziali. Sarà una figura importante, è giovane ed intelligente e proviene dal mondo della finanza. Non capisce molto di calcio ma hanno chiesto a me di fargli da consulente, non voglio altri ruoli. Domenica assisterà alla partita, io gli sarò vicino e lo sosterrò”.

 

++ Calcio: Palermo; Paul Baccaglini nuovo presidente ++
La stretta di mano fra Zamparini e Baccaglini. Foto dal Web.

 

 

Ma chi è il nuovo numero uno del Palermo? Paul Baccaglini nasce da padre americano e madre italiana, cresce in America ma termina i suoi studi nel ‘Belpaese’. In Italia intraprende la carriera nel mondo della comunicazione lavorando con la radio RTL 102.5, poi in televisione con ‘Le Iene‘ e successivamente sbarca su MTV con il programma ‘Il Testimone‘. Nel frattempo non abbandona la sua passione per la finanza studiando in qualità di trader. Fonda il suo primo ‘family fund‘ e dopo due anni allarga gli asset class gestiti creando il primo fondo commerciale: il Keystone Group. I numeri e la costanza dei risultati ottenuti, attirano ben presto l’attenzione e le mire di diverse banche internazionali; due istituti di credito, assieme a Paul, creano il fondo Integritas Capital. Può bastare? No, c’è dell’altro infatti: da due anni il nuovo patron del Palermo è anche board member e financial secretary di Foundation International, una fondazione a stelle e strisce che investe ed opera in progetti umanitari.

Parliamo un po’ del fondo: in quasi cinque anni di vita, Integritas Capital si è imposto come ‘boutique investment solution’ rastrellando clienti in ogni parte del globo. Inizialmente il fondo si è dedicato agli asset management e wealth management; l’obiettivo finanziario è quello di individuare opportunità nei mercati e capitalizzare sul ‘re-adjustment‘ dei prezzi. Possiamo, quindi, immaginare il motivo dell’interesse per la società che faceva capo al Gruppo Zamparini: gli asset extra-calcistici sono una grande opportunità d’investimento nel mercato del real estate (compravendita di edifici e terreni) italiano. Nuovi edifici, creazione di poli commerciali capaci di donare posti di lavoro a molti siciliani. Senza tralasciare il lato sportivo: un nuovo stadio, infatti, eleverebbe gli introiti del Palermo Calcio contribuendo alla creazione di una società forte e radicata a livello italiano ed europeo.

Questa mattina è andata in scena la conferenza stampa che ha formalmente ufficializzato il passaggio di consegne. Zamparini dopo 16 anni abdica in favore di Baccaglini. Ecco le prime parole di commiato dell’ex numero uno rosanero:”In questi giorni ho riflettuto molto, sono grato al Palermo ed alla sua gente per questa nuova avventura, lascio il club in buone mani. Ho spiegato a Paul le mie recenti difficoltà finanziarie, non posso investire come una volta. Poi non ho più 60 anni…” Zamparini aggiunge:” Mi dispiace che questa operazione sia stata messa in discussione, qualche persona non ha imparato a conoscermi in sedici anni. Io mantengo sempre le promesse…”

 

 

screen-zamparini-2
Il punto più alto della presidenza di Zamparini: la finale di Coppa Italia del 2011 persa contro l’Inter. Foto dal Web.

 

Interviene, finalmente, Baccaglini. Ecco le sue prime parole da patron rosanero:”Ringrazio Zamparini per aver introdotto un elemento chiave del progetto, l’aspetto legato alla gente di Palermo. Sarà un progetto sportivo e d’infrastrutture che creeranno molti posti di lavoro. Arrivo a Palermo con grande felicità ed energia, qui c’è gente incredibile e bellissima! Zamparini ha messo nelle mani di un giovane il futuro del club, voglio dimostrare che l’Italia può essere un Paese per giovani”. Il neo numero uno continua:”Il nostro operato non può essere giudicato oggi, è il day one. Il progetto passa per tappe, voglio guadagnarmi il rispetto di questa bellissima città! Dubbi? Normale, siamo sempre rimasti nell’ombra. La concretezza finanziaria del fondo non può essere valutata dai numeri ma con i progetti che realizzeremo con il Gruppo Zamparini. Giovedì incontrerò il Sindaco ed inizieremo a parlare di stadio e centro sportivo, se tutto va bene siamo pronti a partire immediatamente. La permanenza nella massima serie? Speriamo di restare in A ma tranquilli: c’è un progetto anche per la Serie B.” Non è dato sapere delle cifre complessive dell’affare:”Non vi dirò le cifre, sono informazioni confidenziali tra Zamparini ed il fondo che rappresento. Il Palermo è inserito in una progettualità più ampia: stadio e centro sportivo, non solo la società. Vogliamo portare una mentalità più americana, gestire una squadra come un’azienda.” Ultime battute sul campionato in corso:”Lopez resta e la rosa è in grado di centrare la salvezza anche grazie ad un calendario non proibitivo. Quando il Palermo gioca in casa, ci sarò. Lo seguirò anche in trasferta, serve il concetto di inclusione. Non posso dire che conosco Palermo ma voglio dare continuità alle mie parole. Mi impegnerò”.

 

17092211_10212028745504575_2062170866_n
Il saluto dei tifosi a Zamparini dopo 16 anni di presidenza. Foto dal Web.

 

Il tutto, condito da un simpatico siparietto orchestrato in sala stampa: il nuovo patron italo-americano, infatti, ha mostrato ai giornalisti presenti il tatuaggio (disegnato sul petto) che raffigura il vecchio stemma del Palermo Calcio fra applausi e risate. Operazione simpatia in perfetto stile americano, inizia una nuova era per le aquile a stelle e strisce rosanero.

ANDREA MARI.

https://wordpress.com/post/metropolitandotblog.wordpress.com/17476

https://www.facebook.com/andreapendragon

https://twitter.com/AndrewMari1988

 

Annunci