Dopo Firenze, previsto per settembre 2017 e Bologna nel 2018, anche a Roma ci sarà l’apertura del The Student Hotel, ad opera dell’omonimo colosso alberghiero olandese, famoso per il suo modello di ospitalità ibrida. Difatti, il modello di co-living e co-working offre un esempio unico di destinazione ibrida dedicata ad una comunità internazionale in rapida crescita.

Il nuovo albergo”, annuncia il fondatore del gruppo Charlie McGregor, “sorgerà a scalo San Lorenzo, quartiere della capitale adiacente all’università La Sapienza, e aprirà le porte nel 2019 grazie ad una joint-venture tra il gruppo e l’istituzione italiana Cassa Depositi e Prestiti”.

Un luogo a metà tra l’albergo e il college, dove per periodi brevi si incontrano e si mescolano le vite di studenti, turisti e business man. È un nuovo modo di concepire l’ospitalità che mette insieme, negli stessi spazi, universitari, viaggiatori e professionisti. Il contesto informale si avvicina ad un ostello della gioventù rivisitato.

La novità più interessante è sicuramente il co-working, spazi di lavoro condivisi che stanno ormai facendo proseliti ovunque per effetto di uno spostamento della domanda di lavoro verso forme più flessibili in regime di committenza.

Sarà un centro per le persone per viverci, soggiornare, lavorare e connettersi. Siamo entusiasti di iniziare a lavorare sul rilancio di un edificio storico di San Lorenzo, uno splendido quartiere in una delle capitali europee più stimolanti“, aggiunge McGregor.

L’idea che più ci entusiasma”, raccontano i manager, “è rigenerare il tessuto urbano, donare nuova vita a palazzi e aree in disuso“.  Infatti, The Student Hotel cerca e sviluppa gli edifici in disuso o abbandonati che, una volta ristrutturati, portano benefici economici e sociali ai quartieri che li ospitano. Ogni proprietà è aperta alla comunità in generale e incoraggia le persone che vivono e lavorano in albergo, o nelle vicinanze, ad utilizzare il suo spazio e i servizi.

È così che si recupererà lo spazio di Scalo San Lorenzo, nel piazzale di quella che fu la Dogana, edificio molto underground, negli anni passati location delle sfilate di Alta Roma e oggi adibita a locale per eventi con spazi per mostre e attività di vario genere, a due passi dall’Università “La Sapienza”, nel cuore di un quartiere storico per la città, oggi amato per la movida notturna. Le prime immagini raccontano di un progetto proiettato al green, con un grande parco proprio sotto al ponte della tangenziale.

Uno dei due edifici presenti verrà rinnovato, l’altro verrà demolito e ricostruito e sarà quest’ultimo a dare vita all’hotel.

Con un piano di riqualificazione urbana da 67 milioni di euro, l’albergo ospiterà 500 stanze arredate in gusto moderno per studenti, camere d’albergo e spazi di co-living, costo 600 euro circa al mese. Il piano terra sarà accessibile al pubblico con aree di studio, sale riunioni, ristorante, bar, sala giochi, una palestra, zona di connessione, lounge e un garage completo di biciclette per gli ospiti. Ci sarà anche una piscina nel parco esterno.

Aldo Mazzocco, responsabile dell’Area Real Estate del Gruppo CDP, ha dichiarato: “Siamo particolarmente lieti di aver iniziato questa importante trasformazione urbana e la bonifica del sito insieme a The Student Hotel per sviluppare degli alloggi che sono necessari in una parte emergente della città“.

Roma è la terza città italiana dove verrà inaugurata una struttura della società olandese. La Città Eterna rientra tra le quattro nuove acquisizioni che permetteranno alla società di espandersi ulteriormente. Con queste, il numero delle strutture aperte raggiungerà quota 16. Non solo: entro il 2021 The Student Hotel prevede di avere 41 immobili in tutta Europa.

 

Patrizia Cicconi

https://wordpress.com/post/metropolitandotblog.wordpress.com/18797

Annunci