L’anticipo delle 12,30 della trentaduesima giornata di Serie B va in scena al Bentegodi. I padroni di casa del Verona, scivolati al terzo posto in classifica, sono reduci da due pareggi consecutivi e vogliono tornare a vincere. La partita sulla carta sembra agevole: di fronte il Pisa di Gattuso, relegato al penultimo posto in classifica dopo l’ulteriore penalizzazione di tre punti (che si aggiungono al -1). Pecchia però, che recupera Pazzini, ha sicuramente messo in guardia i suoi ragazzi: i toscani, nelle ultime dieci gare ufficiali, hanno perso una sola volta e tre giornate fa sono persino riusciti a strappare un punto contro la Spal capolista.

Le formazioni: 

Verona: Nicolas; Pisano, Caracciolo, Boldor, Souprayen; Romulo, B.Zuculini, F.Zuculini; Bessa, Pazzini, Siligardi.

Pisa: Ujkani; Birindelli, Lisuzzo, Del Fabro, Longhi; Tabanelli, Di Tacchio, Lazzari; Mannini, Gatto, Masucci.

La partita:

Al 17′ la prima vera occasione della partita è per gli scaligeri: F.Zuculini conclude verso la porta da fuori area, il pallone finisce poco oltre la traversa. E’ al 24′ che i padroni di casa passano in vantaggio: Pazzini per Siligardi, che conclude a rete di sinistro e batte Ujkani per l’uno a zero veneto. Al 36′ calcio di punizione per i gialloblu: l’esecuzione di Siligardi è di poco fuori. Un minuto più tardi il Pisa vicino al pareggio con Tabanelli che, su cross di Mannini, manda alto di testa. E dopo un largo recupero (3′) il direttore di gara manda le squadre negli spogliatoi, sul parziale di 1-0 per i padroni di casa.

Inizia la seconda frazione: nel Pisa, al posto di Birindelli, entra Peralta. Al 47′ Verona vicinissimo al raddoppio con Pazzini che in avvitamento di testa su cross di Siligardi sfiora la rete. Al 54′ ancora Pazzini, servito da Romulo, tenta la conclusione da fuori area: il pallone, troppo centrale, viene bloccato da Ujkani. Sostituzione per entrambi gli allenatori: Pecchia inserisce Fossati per F.Zuculini; Gattuso toglie Di Tacchio e manda in campo Zammarini. Al 68′ il secondo cambio per i gialloblu: fuori l’autore del gol, Siligardi, dentro Zaccagni. Il tempo scorre, la partita non sembra regalare altre emozioni: il Verona gestisce il risultato e il Pisa non sembra in grado di farsi vedere dalle parti di Nicolas. Ultimi due cambi da ambo le parti: al 76′ Ganz sostituisce Pazzini, non al meglio per un colpo subito; due minuti più tardi anche Gattuso esaurisce le sostituzioni (Varela per Gatto). All’82’ è il nuovo entrato Ganz ad impensierire Ujkani di testa: il portiere del Pisa, attento, respinge la conclusione. Un minuto dopo l’incredibile pareggio dei nerazzuri: cross da sinistra di Longhi per Tabanelli che stacca di testa e firma la rete dell’1-1 battendo Nicolas. Poi, prima del fischio finale, un’occasione per parte: Zaccagni conclude verso la porta di Ujkani ma viene chiuso all’ultimo da un difensore; Masucci tenta la conclusione in area ma il suo tiro viene respinto. C0sì, dopo 5′ di recupero, Rapuano con il triplice fischio manda tutti negli spogliatoi.

Terzo pareggio consecutivo per gli scaligeri, che non riescono più a vincere: raggiungono quota 55 punti, a -1 dal Frosinone e a -3 dalla Spal (ma con una partita in più), e restano soli al terzo posto in classifica. Per il Pisa, al contrario, è un punto d’oro: i toscani, pur restando al penultimo posto, si avvicinano alla zona salvezza.

Articolo di Luca Fiorelli.

Annunci