Da ieri è tornata l’ora legale e tutti, abbiamo spostato le lancette avanti dei nostri orologi, dormendo, ahimè, un’ora in meno.

Fin da piccoli ci hanno insegnato che il tempo è importante e che soprattutto per prendere delle decisioni bisogna  non essere impulsivi. “Conta fino a 10, prima di parlare”“Hai pensato a cosa dire prima di esprimerti in quel modo?” Queste e tante altre sono le frasi che ci sentiamo dire ogni giorno. Ma abbiamo mai pensato se esiste un orario preciso o giusto per prendere delle decisioni? La scienza, dice di si.

E’ stato  effettuato recentemente, da alcuni ricercatori argentini, uno studio sul comportamento di cento giocatori di scacchi on line,  questi, sono stati divisi in gruppi per genere e per orari cioè se erano tipi “mattutini” o “notturni”. L’ipotesi iniziale era che chi fosse mattutino riuscisse ad essere anche più preciso ed esatto nelle decisioni da prendere in quel lasso temporale e che la stessa cosa, al contrario, valesse  per chi era “notturno”. Ma in seguito a questo esperimento si è scoperto invece, che le ore in cui si riesce ad essere più riflessivi e ponderati, sono maggiormente le prime ore del mattino perché le onde celebrali passano da uno stato di riposo all’attività facilitando una riflessione più profonda e meticolosa. Durante l’esperimento si è notato anche che nelle ore pomeridiane e soprattutto in quelle serali, le decisioni prese dai giocatori tendevano ad essere sempre più impulsive e rischiose.

Quindi chi l’avrebbe mai detto che proprio al mattino, quando ancora ci sentiamo assonnati e stanchi, quello è il momento più giusto per prendere delle buone decisioni? Dunque se la notte porta consiglio, così’ come dice il proverbio, adesso possiamo aggiungere che la mattina porta le giuste riflessioni! Che aspettiamo? Da domani mattina, prendiamo il caffè e stabiliamo ciò che ancora abbiamo in sospeso.

Rosanna Maurici

Annunci