«Amor, ch’al cor gentil ratto s’apprende,
prese costui de la bella persona
che mi fu tolta; e ‘l modo ancor m’offende.
Amor, ch’a nullo amato amar perdona,
mi prese del costui piacer sì forte,
che, come vedi, ancor non m’abbandona.
Amor condusse noi ad una morte.
Caina attende chi a vita ci spense»

(Inferno V, 100-107)

Chi non conosce la storia d’amore di Paolo e Francesca, i giovani cognati amanti uccisi dal marito di lei? Hanno raccontato la loro tragica storia diversi autori come: Dante, Petrarca, Boccaccio, Foscoli, Carducci e tanti altri tanto da diventare questi personaggi, in epoca romantica, simbolo della passione irrefrenabile. A differenza di altri però, questi sono esistiti davvero nella storia.

Le famiglie di Paolo e Francesca erano tra le più potenti della Romagna all’epoca: i Malatesta e i Polentani che per aumentare il loro prestigio decisero, nel 1275, di unire i loro figli in matrimonio Francesca e Gianciotto (Giovanni) Malatesta, un uomo zoppo e poco piacevole. Per evitare il rifiuto da parte della donna, si racconta, che i signori di Ravenna e Rimini mandarono Paolo il Bello, fratello di Gianciotto, all’altare che sposò la bella Francesca per procura al posto di Gianciotto. Quando la povera donna si rese conto dell’inganno non potè darsi pace ma continuò la sua triste vita accanto a Gianciotto, il vero marito. Secondo la tradizione, si sa che tra Paolo e Francesca, dopo il matrimonio di quest’ultima, iniziò una relazione adultera terminata in tragedia. Gianciotto, signore di Gradara, svolgeva la sua carica di Podestà nella vicino Pesaro lasciando sempre la moglie da sola nella tenuta in quanto, all’epoca, non si poteva portare la famiglia al seguito perchè poteva essere “d’impiccio” durante le emergenze. A quanto pare, nella tenuta si trovava spesso a farle visita il cognato Paolo, che aveva dei possedimenti nei dintorni. Così accadde che i due si innamorarono destando non pochi sospetti e tanto da farsi scoprire dal marito che, sorprendendoli a letto insieme, si avventò contro il fratello cercandolo di uccidere con la spada, ma Francesca fece scudo col suo corpo restando trafitta assieme al suo amore.

Nonostante il racconto tramandato da padri in figli, i documenti sulle vere vicende di questa storia giunti a noi sono davvero pochi, ma le ricerche nel corso dei secoli sono state diverse ed hanno riguardato anche il luogo in cui si è consumata la tragedia. Anche senza certezza storica assoluta tutto fa pensare, come accennato sopra, che il luogo dell’incontro tra i due amanti fosse il Castello di Gradara, una fortezza medievale in provincia di Pesaro e Urbino. Struttura imponente, crocevia, nell’antichità di traffici e gente, è stata anche teatro di diversi scontri tra le casate marchigiane e romagnole. Il castello, oggi è di proprietà dello stato e dal 2014 è gestito dal polo museale delle Marche. Grazie alla storia d’amore tra i due giovani, conosciuta e letta da tanti, il castello è uno dei monumenti più visitati della regione ed è stato scelto più volte anche come set per diversi film.

fonte immagine:web
Inserisci una didascalia

Nel castello sono visitabili bene 14 stanze tutte arredate con mobilia antica e opere d’arte tra cui la pala di Santa Sofia di Giovanni Santi e una terracotta di Andrea Della Robbia. Tra i vari ambienti sicuramente il più suggestivo e ricercato dai fruitori è la camera da letto di Francesca, in cui si sarebbe consumata la tragedia.

fonte immagine:web
Inserisci una didascalia

I due amanti hanno avuto una fine tragica ma la loro storia affascina ancora oggi gente da tutto il mondo. Quando amore, letteratura, arte e storia si intrecciano in unico luogo facendolo diventare prezioso e unico cosa si aspetta ad andarlo a visitare, soprattutto se si trova nella nostra bella Italia? Rinfreschiamoci dunque la memoria con il canto di Dante su Paolo e Francesca e andiamo alla scoperta di questo Castello in cui ha regnato l’amore anche se per poco, purtroppo.

Rosanna Maurici   

Fonti: http://www.gradara.com/italiano/paolo_francesca.htm

https://metropolitandotblog.wordpress.com/2017/03/28/il-castello-di-gradara-il-nido-damore-di-paolo-e-francesca/

Annunci