Allo stadio Olimpico va in scena il posticipo della 31esima di Serie A tra Lazio e Napoli. I biancocelesti cercano di accorciare la distanza dal terzo posto occupato dalla squadra di Sarri, che è obbligata a vincere per non lasciar scappare la Roma vittoriosa nel pomeriggio a Bologna.

Inzaghi conferma il 3-4-2-1 ma deve fronteggiare alcune pesanti assenze: de Vrij, Biglia e Lulic. A centrocampo lanciato il classe ’96 Murgia, Milinkovic e Felipe Anderson a supporto di Immobile. Sarri unica sorpresa a sinistra, dove Strinic prende il posto di Ghoulam, per il resto classica formazione con il centrocampo dei più esperti (Allan-Jorginho) e consueto tridente leggero.

FORMAZIONI:

Lazio (3-4-2-1): Strakosha; Bastos, Wallace, Radu; Basta, Parolo, Murgia, Lukaku; Felipe Anderson, Milinkovic; Immobile. All. Inzaghi

Napoli (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Strinic; Allan, Jorginho, Hamsik; Callejon, Mertens, Insigne. All. Sarri

LA GARA:

Nei primi minuti ritmi compassati, con il Napoli che tiene il pallino del gioco da subito, ma la prima grande occasione è per Milinkovic-Savic al 6’: il serbo colpisce al volo su cross dalla destra di Anderson ed il suo tiro viene deviato da un difensore prima di uscire di poco. Inzaghi sceglie lo stesso atteggiamento del derby di coppa, Lazio chiusa dietro pronta a ripartire contro un Napoli che invece gestisce il pallone. L’importanza della gara è palpabile e le squadre lottano soprattutto sulla mediana nei primi venti minuti.

La svolta del match è al 25’: Mertens riceve al limite e serve Hamsik sulla sinistra, il capitano del Napoli serve perfettamente l’accorrente Callejon con un pallone che attraversa tutta l’area tagliando fuori Strakosha prima di essere depositato in rete dall’ala spagnola, 0-1 e partita sbloccata. La Lazio prova a reagire al 30’ con Felipe Anderson, che riceve in profondità e calcia sul primo palo ma la conclusione viene respinta da Reina. L’ultima colossale occasione del primo tempo è per Insigne, che viene liberato al tiro da Mertens e prova il piazzato a giro che incredibilmente esce di poco a lato della porta difesa da Strakosha, ma il Napoli va a riposo con un’importante rete di vantaggio.

lazio napoli 2

Ripresa che parte ancora nel segno del Napoli che si rende pericoloso due volte con Hamsik, che prima va alla conclusione al 48’ e due minuti più tardi prova a ripetere l’assist della prima rete per Callejno, ma questa volta la palla esce di poco. È solamente l’antipasto del raddoppio che arriva al 51’, quando Allan serve con un pallonetto Insigne in area e il talento napoletano anticipa con la suola Strakosha depositando in rete il pallone per lo 0-2.

Inzaghi prova a scuotere i suoi con un doppio cambio, inserendo Keità e Hoedt per Murgia e Bastos. A pochi secondi dal suo ingresso è subito Keità a rendersi pericoloso: entra in area e prova la conclusione alla quale si oppone Reina, sulla successiva respinta il maliano mette ancora in mezzo senza trovare però nessun compagno capace di concludere a rete. Al 60’ ultimo cambio per Inzaghi che inserisce Patric per Basta.

Nella parte centrale della ripresa la Lazio ci prova ancora con Keità a giro al 69’ e pochi minuti dopo con Patric respinto da Reina in angolo. Sugli sviluppi del corner Hoedt calcia a botta sicura ma il pallone lambisce il palo con il portiere del Napoli fermo a guardare. Al 73’ ultima occasione dei 5 minuti di fuoco della Lazio con Patric che calcia a porta vuota su azione dalla sinistra ma viene clamorosamente murato da Insigne sulla riga di porta con Reina battuto Sarri inizia a far rifiatare i suoi: dentro Rog, Zielinski e Milik per Hamsik, Callejon e Mertens.

lazio napoli

La Lazio pian piano si spegne e non riesce a creare occasioni per riaprire la gara nei minuti finali, ne approfitta il Napoli che all’interno dei quattro minuti di recupero concessi dilaga con Insigne che firma la sua personale doppietta con un diagonale di destro preciso su invito di Zielinski. 0-3 definitivo e squadre negli spogliatoi dopo il triplice fischio. Importantissima vittoria per gli uomini di Sarri, padroni del campo dall’inizio alla fine della gara contro una Lazio forse troppo attendista e apparsa priva di idee senza la guida del proprio capitano Lucas Biglia.

 

Maurizio Gaddi.

(https://metropolitandotblog.wordpress.com/2017/04/09/il-napoli-domina-la-lazio-0-3-e-terzo-posto-blindato/)

Annunci