I nerazzurri vogliono la vittoria: dopo due pareggi consecutivi hanno l’opportunità, all’Atleti Azzurri d’Italia, di ottenere tre punti importanti in chiave Europa League. Un successo proietterebbe infatti la squadra di Gasperini al quarto posto solitario in classifica (in attesa di Lazio-Palermo domani alle ore 15). I rossoblù, senza veri obiettivi di classifica, ci tengono a fare bella figura in un campo ostico per chiunque in questa stagione.

Il tecnico atalantino ex Genoa e Inter schiera i suoi con un 3-4-2-1:

Berisha;

Toloi, Caldara, Masiello;

Conti, Kessié, Freuler, Spinazzola;

Kurtic, Gomez;

Petagna.

Donadoni risponde a Gasperini con un 4-3-3:

Da Costa;

Mbaye, Maietta, Gastaldello, Masina;

Dzemaili, Viviani, Taïder;

Di Francesco, Destro, Krejci.

Inizia l’incontro e dopo soli tre minuti di gioco i padroni di casa passano in vantaggio: Conti, in scivolata, mette in rete il pallone su assist di Gomez per l’1-0 bergamasco. È il sesto gol stagionale in maglia nerazzurra.

Al 14′ la partita sembra già chiusa quando Freuler, su assist di Petagna, realizza il raddoppio atalantino. Due minuti più tardi però il Bologna accorcia le distanze: il cross di Di Francesco trova un prontissimo Destro che si avventa sul pallone e realizza il gol del 2-1.

Al 18′ Viviani cerca il pareggio su calcio di punizione: il suo tiro esce di poco. Al 22′ il primo cambio, obbligato, per l’Atalanta: Gasperini è costretto a rinunciare a Kessié, al suo posto Cristante. Al 32′ Gomez, in ripartenza, viene chiuso all’ultimo in calcio d’angolo. Al 36′ Kurtic tenta un’incursione in area, Masina è attento ed evita guai seri. Al 42′ palla gol per i bergamaschi: Gomez sfruttando un calcio da fermo serve Caldara che, solo davanti a Da Costa, spreca clamorosamente non centrando lo specchio della porta. E sul vantaggio di misura dei padroni di casa si conclude il primo tempo (dopo 2′ di recupero).

Inizia la seconda frazione: le occasioni fioccano da una parte e dall’altra e al 61′ sono i rossoblù a trovare il gol del pareggio con Di Francesco. Servito da Dzemaili in area conclude e batte Berisha: è il 2-2, l’Atalanta ora deve reagire.

Gasperini manda in campo D’Alessandro (fuori il difensore Toloi) e prova a vincerla. Al 72′ l’ultima sostituzione per il tecnico nerazzurro: Grassi per Petagna. Al 73′ Donadoni effettua il suo primo cambio inserendo Krafth al posto di Mbaye. E al 75′ arriva il gol che attendeva tutto lo stadio, la rete del 3-2. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo Caldara è il più veloce nell’approfittare della deviazione di Cristante e nel battere Da Costa.

Al 78′ Donadoni mette in campo Okwonkwo al posto di Krejci, all’83’ opera l’ultimo cambio togliendo Viviani (e inserendo Petkovic). La partita è viva: il Bologna cerca il nuovo gol del pareggio, l’Atalanta cerca di approfittare degli spazi lasciati per le ripartenze. All’88’ Di Francesco, dal limite, conclude a rete cercando la personale doppietta e il 3-3: Berisha si supera e salva il risultato. Al 90′ altra occasionissima per i felsinei: dopo un’azione confusa in area di rigore la palla carambola sui piedi di Destro che anticipa Berisha salvato all’ultimo sulla linea dal suo difensore Spinazzola.

L’Atalanta si salva, e dopo cinque lunghi minuti di recupero Gasperini può liberamente esultare. I bergamaschi volano al quarto posto in classifica (superando momentaneamente la Lazio, ora a -2), allontanano le inseguitrici Milan (-5) e Inter (-7) e si godono il restante turno di campionato con estrema serenità. Il Bologna, sfortunato, esce a testa altissima.

Articolo di Luca Fiorelli.

https://metropolitandotblog.wordpress.com/2017/04/22/atalanta-bologna-3-2-bergamaschi-sempre-piu-vicini-al-raggiungimento-delleuropa/

Annunci