La Juventus annichilisce il Genoa con un perentorio 4-0, con reti per Dybala, Mandzukic e Bonucci. Sono ora 33 le vittorie consecutive casalinghe per la Juve.

Tris – Ricordato con un minuto di silenzio lo sfortunato ciclista Michele Scarponi, si inizia e si fa subito sul serio, con Simeone che insinua la porta di Neto con un rasoterra impreciso, ed Higuain che non centra la porta del Genoa con un colpo di testa.

Quando scocca il 15’, poi, Dybala minaccia la porta difesa da Lamanna con un sinistro che manda la sfera di poco a lato. A far cambiare il risultato in favore dei bianconeri, è tuttavia una sfortunata autorete di Munoz, che spedisce  il pallone alle spalle del suo portiere, dopo un impreciso controllo di Marchisio, dopo un bel servizio di Higuain al centro dell’area genoana.

Solo due minuti, ed il sinistro magico di Dybala porta a due le reti di vantaggio per la Juventus, e tutto questo, nonostante dall’altra parte ci sia un Genoa grintoso, disposto ad affrontare a viso aperto la sfida contro i campioni d’Italia.

Del Genoa, a parte un paio di tiri dalla distanza di Ntcham, non c’è molto da raccontare fino alla mezz’ora, momento che sceglie Higuain per cercare il gol dalla distanza, buona però la risposta a terra di Lamanna.

A calare il tris per i bianconeri è Mandzukic, che dalla sinistra, in posizione particolarmente defilata, indovina di destro la traiettoria che insacca il pallone proprio all’angolo basso sul palo più lontano. Gol da far vedere nelle scuole calcio, non c’è dubbio.

Ancora Juve – Il risultato è ormai acquisito, ma di questo i bianconeri sembrano non curarsene, ed al 53’ minuto vanno di nuovo in gol, con Bonucci, ma la sua rete è annullata per un fallo precedente nell’area rossoblu.

E’ solo un caso, perché il ragazzo di Viterbo, al 64’, prima si produce in una proiezione offensiva centrale che gli uomini di Juric non riescono a contenere, e poi esplode il destro che fredda per la quarta volta Lamanna.

La Juventus ormai gestisce in scioltezza la gara, ciò nonostante al 70’ prima Marchisio e poi Higuain trovano il modo per infiammare il pubblico dello Juventus Stadium, colpendo, in rapida successione, il primo gli incroci, il secondo il palo.

La collezione di pali colpiti dai bianconeri, si allunga al 76’ con quello centrato da Asamoah, poco prima che Dybala sfiori la segnatura con un’altra rasoiata di sinistro.

Mandzukic riceve una meritata standing ovation quando lascia il posto a Sturaro nei minuti finali, e virtualmente è il fatto che chiude il sipario sulla 33° vittoria casalinga consecutiva della Juventus.

Il Tabellino

Juventus – Genoa 4-0

Marcatori: 17’ aut. Munoz (J), 19’ Dybala (J), 41’ Mandzukic (J), 64’ Bonucci (J)

(Primo tempo 3-0)

Juventus (3-4-1-2): Neto; Barzaglia, Bonucci, Benatia; Lichtsteiner, Marchisio (86’ Mandragora), Khedira (68’ Rincon), Asamoah; Dybala; Higuain, Mandzukic (82’ Sturaro). A disp.: Audero, Cuadrado, D. Alves, Rugani, Chiellini, Alex Sandro, Lemina, Del Favero, Mattiello. All.: M. Allegri

Genoa (3-4-3): Lamanna; Munoz, Burdisso (67’ Biraschi), Gentiletti; Lazovic (86’ Hiljemark), Veloso, Cataldi, Laxalt (48’ Beghetto); Ntcham, Simeone, Palladino. A disp.: Zima, Orman, Brivio, Cofie, Faccioli, Pandev, Ninkovic, Pellegri. All.: I. Juric

Arbitro: G. Calvarese

Note – Ammoniti: Burdisso (G)

Annunci