Tanti sorpassi, tante emozioni e tanti finlandesi sul podio! Sono tante le cose che ci ha regalato questo 960° Gran Premio della Formula 1.

Voto 10 a V. Bottas: Prima o poi, dopo quattro anni di carriera, questa prima vittoria per lui sarebbe arrivata, e sotto sotto lo sapeva. Ha combattuto bene, a denti stretti tenendo a bada il quattro volte campione del mondo S. Vettel!

Voto 9 a S. Vettel: Arriva seconda il tedesco della Ferrari, fregato si può dire, sul rettilineo avendo contro il vento e nessuna scia da sfruttare. Spreme però nella parte centrale della gara, quando montava ancora le Ultra Soft, nel fine gara fa numeri da pazzi, recuperando su una Mercedes di 10 kim/h più veloce sui rettilinei.

Voto 8 a K. Raikkonen: Fa il suo dovere, corre, combatte e conquista il podio. Dopo la batosta subita a Shangai, a quanto pare il nostro Iceman pare essersi svegliato. Speriamo che sia una cosa duratura e non cada di nuovo in letargo!

Voto 7 a F. Massa: Non ha una macchina eccezionale, eppure a punti ci arriva, e spesso anche. Per un pilota che è prossimo al ritiro, ha fatto un’ottima gara! Spezzo una lancia a suo favore dicendo che non ha causato alcun ostruzionismo in curva su Vettel, che comunque, non sarebbe riuscito a recuperare su Bottas.

Voto 6 a L. Hamilton: Se un anno fa di questi tempi il suo incubo peggiore era l’ex compagno Nico Rosberg, ora di incubi, il nostro Ginetto, ne ha due: una Ferrari super competitiva che non si vedeva da anni, e un compagno di squadra che zitto zitto gli sta dando filo da torcere gara dopo gara, distanziando oggi di ben 20 secondi. Meno lamentele e SVEGLIA!

Voto 5 a M. Verstappen: Di solito ci regala gare da capogiri eppure oggi è stato abbastanza anonimo per tutta la durata della gara, peccato.

18198550_447346212279852_3121249641067750445_nVoto 4 a E. Ocon: Tra Vandoorne e Stroll, è il giovane che mi piace di più (tralasciando Verstappen che pur essendo giovane è già tra i big), complice anche una vettura che lo aiuta molto, magari imbarazzante per quella livrea rosa, ma ci vuole coraggio anche nel guidare una macchina di quel colore, oltre che sfrecciare a più di 300 km/h, no?!

Voto 3 a N. Hulkenberg: Una Renault che è diversa dall’anno scorso, in senso positivo, e un pilota con esperienza fa la differenza che sta arrivando a punti ad ogni gara, grande così!

Voto 2 alla RedBull Racing: Un GP si e uno no riesce a portare entrambe le auto fino in fondo, e oggi è stata una gara no. Ricciardo fuori dopo i primi giri per un guasto al freno posteriore destro, e un Verstappen poco competitivo a ben un minuto di distanza da Bottas. Nella formula 1, già 3″ sono un’eternità, figuriamoci un minuto di tempo, soprattutto se parliamo di un Top Team.

Voto 1 alla McLaren Honda: Non riesce proprio quest’anno, a non collezionare pessime figure. Se per alcuni team l’obbiettivo principale è arrivare a punti, per la McLaren è importante riuscire a portare entrambe le vetture in fondo al traguardo, i punti poi arriveranno, si spera.

Raffaello Caruso

Annunci