Sono le 18.00 precise di sabato e, probabilmente, molti di voi saranno da qualche parte a rilassarsi, magari, dato “l’orario aperitivo”, gustandosi un dolcissimo Spritz con ghiaccio, non tanto dolce però quanto la speranza che potrebbe riaccendersi nei cuori dei tifosi giallorossi questa sera: infatti, in caso di vittoria sul Chievo, la Roma non solo manterrebbe saldo il secondo posto e con esso l’accesso diretto in Champions League per la prossima stagione, ma andrebbe temporaneamente a -1 dalla Juventus, domani impegnata contro il Crotone, riaprendo, forse, a due giornate dalla fine del campionato il discorso scudetto. Il Chievo, invece, con i suoi 43 punti e la certezza matematica di un altro anno in Serie A non ha più nulla da dire in questo campionato.

Nonostante la squadra veneta giochi in casa davanti ai propri tifosi e nonostante sia imbattuta da tre gare consecutive (una vittoria e due pareggi), risulta che abbia vinto solo 3 dei 29 precedenti di Serie A contro la Roma (l’ultimo nel 2013): da allora cinque successi giallorossi e due pareggi.

Curiosità: la sfida di oggi è tra due delle tre squadre (la terza è la Fiorentina) che hanno segnato di meno con i nuovi acquisti in questo campionato: solo tre gol del Chievo e sette della Roma provengono da giocatori che non erano in rosa nella scorsa stagione.

Numeri, statistiche, supposizioni e scongiuri a parte, le squadre sono ai box di partenze, tutto è pronto per iniziare… si comincia!

 

Formazioni:

Chievo (4-3-1-2): Sorrentino; Cacciatore, Gamberini, Cesar, Gobbi; Depaoli, Radovanovic, Bastien; Castro; Inglese, Birsa

Roma (4-2-3-1): Szczesny; Rudiger, Fazio, Manolas, Emerson; De Rossi, Strootman; Salah, Paredes, El Shaarawy; Dzeko.

 

Il Match

Partenza arrembante della Roma, che dopo appena 3 minuti di gioco bussa alla porta degli avversari con una punizione di Paredes: tiro potente, ma centrale che viene bloccato senza alcuna difficoltà da Sorrentino. Passano 60 secondi e anche il Chievo si affaccia in avanti con il bel tentativo di Radovanovic, che fa partire una sassata dai 35 metri, ma il pallone si schianta di poco a lato dalla porta difesa da Szczesny. La prima vera, potenziale, pericolosa occasione però è di colore giallorosso: Salah, servito all’indietro da Strootman, spara in porta da fuori area un tiro preciso, destinato all’angolino, ma con uno splendido riflesso, degno di un pregiato gatto siamese, Sorrentino dice “no” deviando in calcio d’angolo.

14’ minuto di gioco e Castro gela il sangue ai lupacchiotti: pallone vagante in area di rigore della Roma, arriva il numero 19 del Chievo e insacca il pallone alle spalle di Szczesny con un bel tiro di destro al volo. La reazione giallorossa si fa aspettare fino al 28’ minuto, quando, su un errato rinvio dal fondo di Sorrentino, arriva El Shaarawy, salta l’estremo difensore del Chievo e mette dentro un pallone facile facile, che si deposita lentamente in rete. Terzo goal consecutivo e nono in campionato per il “Faraone” ex Milan.

Non passano nemmeno dieci minuti e al 36’ arriva il 2 a 1 Chievo: cross tagliente di Walter Birsa sulla destra, difesa della Roma al bar a bersi un crodino, spunta Inglese che, completamente lasciato libero in area, trafigge di testa un immobile Szczesny.

Finito qui il primo tempo? Neanche per sogno!

42’ minuto e Momo Salah, dopo aver precedentemente sbagliato un’occasione di testa a “tu per tu” con Sorrentino, si fa egregiamente perdonare, rimettendo la sua squadra in gioco con un bellissimo goal da fuori area, calciando a giro di sinistro sul secondo palo.

E’ 2 a 2 alla fine dei primi 45 minuti di gioco… ed è solo il primo tempo!

Nel secondo tempo la Roma mette subito la freccia e passa in vantaggio al 57’, di nuovo con El Shaarawy, che raccoglie un fantastico lancio di Strootman, compie un pregevolissimo stop in area di rigore e incrocia bucando ancora Sorrentino.

Il Chievo non c’è più e si scatenano i giallorossi: Dzeko, alla ricerca del suo 28’ goal in questo campionato, tenta più volte di mettere la sua firma in questo match; prima al 63’, con un colpo di testa che tuttavia l’estremo difensore del Chievo respinge prontamente coi pugni, poi al 74’ con un tiro radente sulla sinistra, trovando però ancora una volta un attento Sorrentino che gli sbarra la strada.

Passano appena due minuti e Momo Salah, su assist di Dzeko, sigla la sua personale doppietta, sempre di sinistro, lasciando completamente impietrito Sorrentino, che nulla può davanti alla precisione millimetrica dell’egiziano.

Finalmente all’82’ c’è gloria anche per Dzeko, che timbra il cartellino con un siluro all’incrocio dei pali da fuori area, dopo aver mandato per funghi Frey con un efficace dribbling con l’esterno: è 5 a 2 per la Roma.

A nulla serve all’86’ il secondo goal di Inglese, che sugli sviluppi di un corner, sfruttando l’ennesima indecisione della retroguardia giallorossa, mette dentro da pochi passi di suola.

Il finale di gara è tutto dedicato a Francesco Totti, che a pochi minuti dalla fine della partita entra in campo, ricevendo la meritata standing ovation di tutto il Bentegodi. Pochi i palloni accarezzati dalla leggenda giallorossa, ma ogni suo “tocco” riesce sempre a far sognare il pubblico amante del grande calcio, rievocando, per gli appassionati d’arte, la delicatezza delle pennellate del Caravaggio.

Tartaglione Marco

Chievo-Roma-in-streaming-live-gratis-diretta-tv

Annunci