Allo Stadio Adriatico di Pescara va in scena la partita tra Pescara e Palermo. Il match ha davvero poco da dire e ha il sentore di un amichevole visto che entrambe le formazioni sono già retrocesse matematicamente in Serie B. Si sfidano quindi i due fanalini di coda del campionato, nonché peggiori difese, avendo incassato ben 81 goal gli abruzzesi e 74 i siciliani.

STATISTICHE- Sono tre i precedenti tra Pescara e Palermo in Serie A: alla vittoria casalinga per 1-0 degli abruzzesi nel settembre 2012 sono seguiti due pareggi 1-1 al Barbera. Le cinque reti sono state firmate da cinque giocatori diversi.Sfida tra le due squadre già retrocesse in Serie B, nonché le due peggiori difese del campionato: 81 reti concesse dagli abruzzesi, 74 dai siciliani.Solo due volte finora una squadra ha subito più di 26 sconfitte in un singolo campionato di Serie A: il Venezia 1949/50 (27) e proprio il Pescara 2012/13 (28).Dopo la vittoria per 5-0 sul Genoa alla prima di Zdenek Zeman in panchina, il Pescara ha ottenuto solo due punti nelle successive 11 gare di campionato, subendo in totale 24 reti. Sette i punti raccolti dal Palermo nelle ultime tre giornate, tanti quanti ne aveva ottenuti nelle precedenti 16 gare di campionato. I rosanero non vincono da nove trasferte in campionato, parziale in cui hanno ottenuto appena due punti. Pescara (15) e Palermo (13) sono le due squadre che hanno subito più reti di testa in questa Serie A. Il Pescara ha utilizzato 34 diversi giocatori in questo campionato, più di ogni altro club. Sette degli ultimi nove gol del Palermo sono stati segnati da difensori: quattro Rispoli, uno ciascuno per Aleesami, Goldaniga e Gonzalez. Alberto Gilardino, tornato domenica scorsa in campo dopo 119 giorni di stop, ha trovato il gol in cinque delle ultime otto sfide di Serie A contro il Palermo, sua ex squadra.

QUI IL PESCARA- Zeman opta per il 4-2-3-1: Fiorillo tra i pali; Zampano, Bovo, Campagnaro e Biraghi in difesa; Memushaj e Muntari davanti a loro in posizione mediana, Coulibaly; Caprari e Bahebeck dietro all’unica punta  Muric.

Pescara che affronta questa partita più per l’orgoglio di concludere la Serie A con un trionfo davanti ai propri spettatori che per i fini della classifica.

QUI IL PALERMO- La squadra di Bortoluzzi scende in campo con il 3-4-2-1Fulignati in porta; difesa a tre con Cionek, Gonzalez e Goldaniga;i quattro di centrocampo sono Rispoli, Jajalo, Chochev e Aleesami; Sallai e Diamanti aiutano Nestorovski in attacco.

Nessuna novità quindi per i sicliani in una partita che sa di “giochiamola tanto per prassi”.

LA CRONACA- La partita inizia in uno stadio comunque pieno rispetto all’importanza di questa partita, forse perché è l’ultima partita di serie A per il Pescara. Proprio i padroni di casa infatti dominano nei primi minuti di gara. Palermo che trova solo due spunti all’8′ e al 9′ con Nestorovski e Rispoli, ma le occasioni sono fioche. Il goal del Pescara arriva al 14′. Gli abruzzesi si portano in vantaggio col gol di Muric: il croato ha anticipato Aleesami che era in ritardo. Colpo di testa su cui Fulignati non è potuto intervenire.Al 18′ Il Palermo prova a reagire, Nestorovski pericoloso ma para Fiorillo. Ci prova poi Brugman al volo al 24′, ma para Fulignati. Al 30′ arriva un pericoloso Calcio di punizione per il Pescara: Caprari non va oltre la barriera però. Al 43′ arriva la prima ammonizione della partita. Fallo di Biraghi: giallo per l’ex Cittadella.

Durante l’intervallo arriva il primo cambio della partita. Per il Pescara entra Mitrita, esce Muric. Prova a pareggiare il Palermo che cresce molto in questo rientro. Infatti al 48′ Diamanti prova il cross, Nestorovski non arriva e poi al 49′ ancora un altro cross: Rispoli in mezzo per Chochev, palla a lato. Non finisce qua però, è quasi un assedio quello degli ospiti, che al 50′ ci tentano con Chochev di testa: tiro fuori. Arriva il secondo giallo della gara al 60′ .Fallo di Brugman su Diamanti, cartellino giallo per il centrocampista del Pescara. Ancora Palermo al 61′!Cross di Diamanti sul secondo palo, Chochev colpisce di testa ma Fiorillo nega il gol al bulgaro. Al 64′  Entra Lo Faso nel Palermo al posto di B. Henrique. Al 75′  Doppio cambio, uno per parte: entrano Gilardino e Trajkovski, escono Cerri e Rispoli poi all’83′ Entra Sallai al posto di Diamanti. All’ 86′  Annullato un gol a Nestorovski: su tiro di Jajalo, il macedone era in fuorigioco. All87′ arriva il raddoppio  del Pescara. Mitrita coglie di sorpresa Aleesami che dorme: Fulignati infilato al volo dal tiro dell’attaccante abruzzese.

Finisce qui questo match a dir poco inutile ai fini della classifica. Unica nota buona è l’aver mantenuto l’onore davanti ai propri tifosi per il Pescara.

Annunci