Siamo ormai giunti all’ultima giornata di campionato di Serie A. Resta solo da capire quale squadra, tra Empoli e Crotone, andrà in Serie B (assieme a Palermo e Pescara). Inoltre si scoprirà chi, tra Roma e Napoli, raggiungerà il secondo posto, quindi l’accesso diretto per la prossima edizione della Champions League. Importante è seguire anche l’ultimo giorno di Francesco Totti con la maglia della Roma. Una giornata di calcio intensa, che, però, si apre con il match delle 15.00, tra Cagliari-Milan. La squadra di casa ha fatto un buon campionato confermandosi come la neopromossa più adatta a partecipare a questo campionato. Il gruppo costruito da Massimo Rastelli ha dimostrato grande maturità, disputando così un buon campionato. La salvezza è arrivata a fine girone di andata, con una posizione ottimale e lontana dalla zona rossa. L’obbiettivo che sta seguendo il Cagliari, in queste ultime giornate, è quello di onorare la Serie A giocando ogni partita come se nulla fosse ancora deciso. A differenza del Cagliari, il Milan ha dovuto lottare fino alla settimana scorsa per raggiungere i preliminari di Europa League. Questo sesto posto non si può certo definire come un ottimo risultato per i rossoneri, che sono abituati ad inseguire altri obbiettivi. La stagione del Milan è stata parecchio controversa, piena di alti e bassi. Con l’arrivo di Vincenzo Montella (reduce da una esperienza non esaltante alla Sampdoria) sulla panchina rossonera e con un mercato poco esaltante, si era creato un alone di scetticismo nei confronti della squadra e del tecnico. Eppure il Milan, soprattutto nel girone d’andata, si è dimostrata una squadra tenace e forte, conquistando anche la Supercoppa italiana contro la Juventus. Nel girone di ritorno, la squadra ha subito un calo radicale che ha permesso alle rivali Inter e Fiorentina di riaprire i giochi per l’Eurpa League. Da sottolineare è la cessione del Milan da parte di Silvio Berlusconi nei confronti dei cinesi comandati da Yonghong Li. Questa sfida segna la fine di un campionato giocato al meglio delle possibilità di entrambe le squadre.
STATISTICHE: Al Sant’Elia di Cagliari va in scena l’ultimo atto per la squadra di Rastelli e quella di Montella. La crescita che hanno avuto entrambe le squadre è stata importante. Una crescita diversa che ha condotto la squadra di casa alla conquista della salvezza con parecchie settimane di anticipo, mentre la squadra in trasferta ha dovuto lottare fino alla fine per raggiungere l’Europa League. I numeri, però, non supportano questa evoluzione calcistica di entrambe le squadre. Il Cagliari ha subito ben 75 reti e ne ha realizzate 53, segnale che mostra le numerose lacune difensive mostrate, in questa stagione, dalla squadra di Rastelli. Infatti, nelle ultime sei giornate di campionato, i rossoblu hanno raccolto nove punti (vincendo contro Chievo Verona, Pescara e Empoli). L’ultima sconfitta avvenuta la scorsa settimana contro il Sassuolo per 6-2, mostra tutti i limiti della squadra di Rastelli, che, pur facendo un’ottima fase offensiva, non riesce a limitare i numerosi errori che avvengono nelle retrovie. Stesso discorso valido anche per il Milan. La squadra di Montella ha mostrato tutti i suoi limiti in difesa subendo ben 43 gol e segnandone 56, mostrando che vi è una differenza sostanziale con le prime tre della classe. Inoltre i rossoneri non attraversano un periodo di forma ottimale. Nelle ultime sei partite hanno raccolto solo sei punti perdendo contro Empoli (1-2) e Roma (1-3). Sono reduci, però, dal successo per 3-0 contro il Bologna che ha consentito loro di consolidare il sesto posto e i preliminari di Europa League.Barella_Donnarumma_Milan_Cagliari_lapresse_2018_thumb660x453

FORMAZIONE CAGLIARI 4-3-1-2: Rastelli schiera Crosta in porta, Padoin, Pisacane, Ionita e Murru in difesa, Deiola, Tachtsidis e Faragò a centrocampo, Joao Pedro dietro alle punte Borriello e Farias.

FORMAZIONE MILAN 4-3-3: Montella risponde con Donnarumma tra i pali, Vangioni, Gomez, Paletta e Calabria in difesa, a centrocampo Mati Fernandez, Locatelli e Kucka, mentre i tre attaccanti sono Honda, Bacca e Suso.

CRONACA: L’arbitro Rosario Abisso da inizio al match. Occasione al primo minuto con il colpo di testa di Borriello, che, anticipa Gomez, ma il pallone termina fuori di poco. Traversa del Cagliari di Ionita, che tira di collo pieno, ma la palla centra il legno della porta di Donnarumma al 5′. Il pressing alto della squadra di Rastelli impedisce l’uscita palla al piede da parte del Milan. Vantaggio del Cagliari con Joao Pedro, che, con il piattone, batte Donnarumma al 17′, 1-0. La risposta del Milan arriva dal mancino di Suso, che calcia in porta e trova il primo angolo della sua squadra al 19′. Occasione per Bacca che sugli sviluppi del calcio d’angolo calcia al volo ma Crosta si salva sulla linea al 20′. Time out di due minuti per dissetarsi. Occasione per Farias, che, in contropiede, si allunga troppo il pallone e a quel punto Donnarumma gli toglie il pallone al 26′. Esce Suso per infortunio ed entra Ocampos al 31′. Esce anche Murru per infortunio ed entra Miangue al 34′. Ammonizione per Joao Pedro, che, in ritardo, colpisce Gomez al 42′. Tira Calabria ma Crosta para facile al 43′. Saranno cinque i minuti di recupero. Al 45+2, dopo la torre fatta da Gomez, Kucka colpisce di testa, ma blocca facile Crosta. Termina così il primo tempo, 1-0. Prima dell’inizio del secondo tempo entra Lapadula al posto di Vangioni. Milan più propositivo. Ci prova Bacca al 47′ con un tiro debole, che, però, sfiora il palo. Reagisce il Cagliari con Farias, ma il tiro del giocatore rossoblu è bloccato da Donnarumma al 50′. Bella azione del Milan conclusa con il tiro di Bacca, ma il tiro è bloccato da Lapadula, Milan vicino al pareggio al 52′. I rossoneri cercano di pareggiare anche se con iniziative disordinate. Ammonito Deiola per fallo su Ocampos al 61′. Rigore per il Milan al 63′. Ionita stende Paletta, che lo aveva superato. Bacca calcia male il calcio di rigore e Crosta para. Giallo per Gomez per proteste al 65′. Cartellino giallo anche per Paletta, che, in ritardo, colpisce Borriello al 68′. Tira Joao Pedro un bel tiro a giro, che, nonostante la deviazione, è parato da Donnarumma al 69′. Entra Han al posto di Borriello, che si è infortunato al 70′. Un altro rigore assegnato al Milan al 72′. Bacca viene atterrato da Crosta e per l’arbitro non ci sono dubbi. Lapadula trasforma il calcio di rigore, 1-1. Doppio giallo a Paletta, espulso al 75′. Entra Zapata al posto di Bacca al 77′. Giallo per Padoin, che ferma la corsa di Ocampos al 78′. Ci prova Farias con il suo destro, ma spara il pallone addosso a Donnarumma all’80’. Miangue, sugli sviluppi del calcio d’angolo, si fa deviare il tiro da Calabria all’83’. Joao Pedro tira addosso a Donnarumma da una posizione defilata all’87’. Insiste il Cagliari con Han, che in contropiede calcia, ma Calabria devia in angolo all’88’. Assegnati tre minuti di recupero. All’ultimo minuto di recupero il Cagliari vince la partita. Joao Pedro calcia una bella punizione, Donnarumma in certo respinge e Pisacane ne approfitta, 2-1. La partita termina così, 2-1.manuel-locatelli-davide-di-gennaro-milan-cagliari-serie-a_qi0kael8b0bo1lqbv86g5s9u0

LUIGI GIANNELLI

https://wordpress.com/post/metropolitanmagazineitalia.blog/53118

Annunci