Impresa del Carpi che prima rimane in nove uomini per le espulsioni di Struna e Gagliolo, e poi trova il vantaggio ed il passaggio alla finale con Letizia.

Espulsione – Davanti ad un “Matusa” trepidante, i canarini ciociari prendono ad attaccare gli ospiti a pieno organico, ed all’8’ David Ciofani va ad un passo dal possibile vantaggio con una battuta a rete dalla breve distanza, ma tra lui e la gioia del gol ci si mette una gran parata di Belec.

Gli uomini di Marino controllano davvero bene il campo, e lasciano pochissimi spazi al Carpi che suda per difendersi, e fa una fatica pazzesca a disegnare le proprie geometrie offensive.

Fa eccezione una rasoiata al 16’ di Jelenic da fuori area che manda la palla di poco al lato con Bardi comunque ben appostato. Due minuti più avanti ci prova anche Dionisi per il Frosinone, la palla si alza troppo e finisce direttamente nella curva ospite.

Il match si fa poi più equilibrato ma soprattutto spezzettato, con l’arbitro Ghersini costretto a fischiare più del consueto per addomesticare i frequenti eccessi di agonismo dei ventidue in campo. Al 24’ Gori prova la via del gol con una battuta di destro dai 25 metri circa, la conclusione è però da dimenticare negli esiti.

Altrettanto imprecisa è anche la staffilata di Dionisi al 28’ minuto che manca lo specchio della porta avversaria, ma bello il modo con cui il Frosinone era riuscito ad arrivare sulla trequarti del Carpi.

Nei minuti successivi la formazione di Castori prova a mettere in difficoltà il Frosinone con qualche rapida verticalizzazione, ma è solo Lollo a tentare concretamente la via del gol con un destro da oltre 30 metri al 37’ minuto, che non ha la sufficiente precisione per costituire un vero pericolo per la porta difesa da Bardi.

Più pericolosa è la conclusione dalla media distanza di Di Gaudio, ma la sfera carica d’effetto sorvola la traversa con Bardi ancora una volta pronto sulla traiettoria.

Verso la chiusura del primo tempo i canarini provano una sorta di forcing, che non ha la fortuna di cambiare il risultato, ma che determina il doppio giallo piuttosto severo comminato ai danni di Struna, il quale lascia il Carpi in dieci uomini.

Subito dopo l’espulsione dello sloveno e con gli ospiti ancora sotto choc, Dionisi impegna severamente Belec con un destro dall’interno dell’area, la sfera finirebbe sotto la traversa, ma l’occasione del possibile vantaggio dei padroni di casa è però sventata brillantemente dall’estremo difensore del Carpi.

Letizia –  Per gli uomini di Castori ridotti in dieci, solo la vittoria potrebbe schiudere le porte della finale play-off, e questo li spinge inesorabilmente a prendersi qualche rischio in più per cercare la rete del vantaggio in avvio di ripresa. Mbakogu è tuttavia spesso troppo isolato in attacco e la difesa del Frosinone fa davvero poca fatica a contenere le trame offensive degli avversari.

Al 51’ Soddimo cade a terra nell’area del Carpi dopo una trattenuta di Lollo, per Ghersini non ci sono gli estremi per il calcio di rigore, e si prosegue a giocare nonostante qualche protesta del pubblico del “Matusa”.

Al 53’ Carpi sfortunatissimo con Mbakogu che prima riesce a disimpegnarsi dalle pressanti attenzioni della difesa avversaria, e poi prova a battere Bardi in uscita con un tocco rasoterra. Per un attimo la palla sembra poter finire in porta ed invece la sfera colpisce la base del palo più lontano ed il Frosinone si salva.

Il pericolo corso porta i padroni di casa a rialzare il proprio baricentro, ed al 56’ una bella conclusione rasoterra di Maiello fa correre qualche brivido sulle schiene dei tifosi del Carpi.

Il Frosinone riprende a fare la partita, facendo pesare il vantaggio numerico sul terreno di gioco. Al 63’ una buona palla da spedire alle spalle di Belec capita sui piedi di Terranova, che da pochi metri dalla linea di porta avversaria non riesce tuttavia a coordinarsi nel modo migliore.

A seguire c’è una conclusione murata a Daniel Ciofani ed un’altra di Dionisi che termina di poco alta, seguita da un’altra molto imprecisa di Lasagna. Senza soluzione di continuità altre emozioni le dà Gori, anche lui poco freddo comunque al cospetto di Belec.

Al 72’ Dionisi prova ancora a trovare la via del gol con una conclusione da fuori area, ma il pallone è neutralizzato facilmente dal portiere avversario in presa bassa. Dalla parte opposta Crivello si fa minaccioso con un tentativo che la difesa ciociara riesce a respingere nel migliore dei modi.

Al 78’ arriva l’episodio che rende la gara incandescente: Mbakogu innesca Di Gaudio che in velocità va via a Fiamozzi, da poco entrato al posto di Paganini; il difensore spinge l’avversario che va a terra, il rigore ci sarebbe e dunque anche il cartellino rosso per il difensore ciociaro. L’arbitro invece non è della stessa idea, ed i giocatori del Carpi si infuriano con lui, che per riportare la calma estrae gialli a ripetizione. All’81 poi arriva il secondo cartellino giallo per Gagliolo, ed il Carpi si ritrova in nove.

Mbakogu perde la testa e lascia il campo di gioco per protesta, la panchina del Carpi “copre” il gesto del nigeriano sostituendolo al volo con Fedato, poi l’attaccante prova incredibilmente a rientrare, ma viene fermato da un suo dirigente con le cattive.

Sembra finita per il Carpi ed invece Letizia centra la rete del vantaggio con un calcio di punizione da circa 30 metri, con Bardi che si allunga quanto può senza arrivare a deviare il pallone. I nove “superstiti” di Castori sono incredibilmente in vantaggio.

Con il cuore più che con la testa, il Frosinone si getta nell’area avversaria alla ricerca del pareggio, ma l’assedio non cambia il punteggio finale, anche grazie ad un paio di prodezze di Belec.

Il Carpi vola in finale, ed ora deve attendere una tra Benevento e Perugia. Per il Frosinone il sogno Serie A si spegne nella triste notte del “Matusa”.

Il tabellino

Frosinone – Carpi 0-1

Marcatori: 86’ Letizia (C)

(Primo tempo 0-0)

Frosinone (3-5-2): Bardi; Terranova, Krajnc, Ciofani M.; Paganini (75’ Fiamozzi), Maiello, Gori (88’ Mokulu), Soddimo (56’ Frara), Crivello; Ciofani D., Dionis A disp.: Zappino, Russo, Besea, Volpe, Sammarco, Mazzotta. All.: P. Marino

Carpi (4-4-1-1): Belec; Struna (espulso al 45’+1’), Poli, Romagnoli, Letizia; Jelenic (65’ Gagliolo), Bianco, Mbaye (53’ Lasagna), Di Gaudio; lollo; Mbakogu. A disp.: Colombi, Concas, Beretta, Carletti, Pasciuti, Fedato, Lasicki. All.: F. Castori

Arbitro: D. Ghersini

Note – Ammoniti: Mbaye (C), Struna (C), Jelenic (C), Gagliolo (C), Bianco (C), Letizia (C), Lollo (C), Belec (C) Espulsi: al 45’+1’ Struna (C) espulso per doppia ammonizione; all’82’ Gagliolo (C) espulso per doppia ammonizione.

Annunci