Entra nel vivo la seconda settimana dello Slam parigino con il via ai quarti di finale del tabellone maschile e di quello femminile.

Si comincia con gli incontri della parte alta del tabellone femminile. Sul campo Philippe Chatrier, la beniamina di casa Kiki Mladenovic se la vedrà con la svizzera Timea Bacsinszky. La tennista francese di origine serba ha superato gli ottavi di finale eliminando in tre set (6-1, 3-6, 6-3) la campionessa in carica Garbine Muguruza, e può contare sull’apporto del pubblico di casa, che ha pesato non poco contro la spagnola, per raggiungere per la prima volta in carriera le semifinali di uno Slam. In contemporanea sul Suzanne Lenglen Court si affrontano la ventenne Jelena Ostapenko e la danese Caroline Wozniacki, che mira a centrare per la prima volta le semifinali al Roland Garros e tornare, dopo due anni piuttosto travagliati, nella top ten del ranking Wta.

kiki mladenovic

Domani andrà in scena la rivincita della finale di Roma, tra la Halep ed Elina Svitolina, numero 6 del ranking mondiale e testa di serie numero 5 del tabellone. La 22enne ucraina, dopo il trionfo al Foro Italico, ha rischiato non poco contro la sorpresa del torneo, la croata Petra Martic, numero 290 del ranking  proveniente dalle qualificazioni. La favola della tennista di Spalato si è interrotta solo al terzo set (5-7), dove era arrivata addirittura a condurre 5-2 per poi subire l’inarrestabile rimonta della Svitolina perdendo 20 degli ultimi 24 punti giocati. L’ultimo quarto femminile vedrà sfidarsi la testa di serie numero 2 del torneo, la più alta dopo l’eliminazione al primo turno della Kerber, Karolina Pliskova e l’altra giocatrice di casa rimasta in corsa Caroline Garcia. La francese è uscita vincitrice dal derby contro Alize Cornet mentre la Pliskova, che ha raggiunto per la prima volta i quarti a Parigi, punta dritto alla finale per conquistare il gradino più alto della classifica mondiale.

Per quanto riguarda il tabellone maschile, invece, si parte oggi dalla parte inferiore del draw. Sul Philippe Chatrier è in programma il derby spagnolo tra Pablo Carreno Busta, testa di serie numero 20 del tabellone, e Rafa Nadal, favorito numero 4 del main draw. Il maiorchino, forte dei consigli del nuovo coach Carlos Moya, ha avuto un avvio di stagione formidabile e sta confermando il suo ottimo momento di forma anche a Parigi. Nei 4 match che lo hanno condotto fino ai quarti di finale, Rafa ha lasciato per strada appena 20 giochi e l’impresa del decimo successo in carriera al Roland Garros non è più così impensabile come si credeva qualche mese fa. Sulla terra rossa del Suzanne Lenglen l’incontro più atteso, quello tra Djokovic e Thiem. I due si sono affrontati l’ultima volta poco meno di tre settimane fa nella spettacolare semifinale del torneo di Roma: l’aveva spuntata Nole con una prova superlativa. Il serbo, campione in carica, ha raggiunto i quarti dopo la convincente prova contro Albert Ramos (7-6, 6-1, 6-3) che ha cancellato un inizio di torneo alquanto sofferente. Dominic Thiem è, invece, uno dei tennisti più in forma del momento e quella di oggi rappresenta una grande possibilità per il salto di qualità che in molti aspettano dal 23enne austriaco.

djokovic-celebration-roland-garros-2016-final

A chiudere il programma dei quarti, domani gli ultimi due incontri maschili. Il numero 1 del mondo Andy Murray, dopo aver agilmente superato gli ottavi di finale battendo Karen Khachanov (6-3, 6-4, 6-4), se la vedrà con il ben più insidioso Kei Nishikori. Il croato Marin Cilic, prima volta nei quarti per lui, affronterà uno dei rivali che storicamente soffre di più, Stan Wawrinka ( nei 13 match disputati tra i due, lo svizzero ha vinto per 11 volte). Stanimal ha disputato un match adrenalinico contro Gael Monfils, aggredendo il francese fino all’ultima palla, conquistando la vittoria (7-5, 7-6, 6-2) e confermandosi come l’outsider più pericoloso.

Il programma, dunque, è servito e ci sarà da divertirsi. Pioggia permettendo, finora una delle principali protagoniste di quest’edizione 2017.

Annunci