Moto 3

La domenica del Mugello è stata inaugurata con la vittoria di Andrea Migno, al suo primo successo (e che successo!) in carriera davanti ad un Di Giannantonio combattivo fino all’ultimo millimetro (distanziati di solo 37 millessimi sul traguardo!). Gara strepitosa, dove ben 21 piloti sono arrivati raccolti in 3 secondi. Andrea ha aspettato i giri finali per sferrare l’attacco, prendendo tutti in contropiede e non temendo di regalare la scia agli inseguitori. Nonostante una buona prima parte di gara, Fenati si perde nelle retrovie, giungendo solamente 13esimo. La terza piazza se la prende Guevara in “solitaria”, davanti a Binder, Canet, McPhee (poleman) e Mir, che limita i danni portando a casa punti preziosi e rafforzando la sua leadership. Gli altri italiani: Bulega 10°, Bastianini 11°, Fenati 13°, Antonelli e Bezzecchi 16° e 17°, Dalla Porta 19°.

Classifica mondiale

1   Joan Mir                             108
2   Aaron Canet                       74
3  Fabio Di Giannantonio      71
4  Romano Fenati                    68

moto3
Volata finale pazzesca: Migno la spunta per soli 37 millesimi su Di Giannantonio!

Moto 2

Anche la Moto 2 parla italiano, grazie ad una sensazionale gara di Mattia Pasini. Il pilota romagnolo torna così al successo dopo 8 anni: l’ultimo trionfo lo ottenne proprio qua, al Mugello, dopo un duello sensazionale sotto la pioggia con il rivale/amico Simoncelli. Anche questa è stata una gara al cardiopalma, dove dopo una buona partenza i primi tre hanno distanziato progressivamente Morbidelli, mai entrato nel vivo della bagarre. Mattia ha saputo lottare e ribattere ogni tentivo degli avversari (Luthi e Marquez) di portarsi al comando. Spettacolare l’ultimo giro: dopo la prima staccata Paso era terzo, ma con due sorpassi al fulmicotone si riporta in prima posizione, difendendola per soli 52 millessimi dal disperato tentativo di Luthi. Morbidelli leggermente sottotono, giunge quarto in solitaria. Sesto Marini, ottavo Corsi, sedicesimo Locatelli. Male Baldassarri: il pilota al primo giro ha esagerato la staccata alla Buccine finendo a terra e coinvolgendo l’incolpevole Nakagami, fortunatamente senza conseguenze.

Classifica mondiale

1    Franco Morbidelli             113
2    Thomas Luthi                     100
3    Alex Marquez                     78
4    Miguel Oliveira                  70

moto2Pasini.jpg
Pasini ha una configurazione particolare sulla sua moto, unica nel motomondiale: a causa di un problema fisico, freno e frizione sono sullo stesso lato.

MotoGP

Anche in top class suona l’inno di Mameli, completando così la tripletta di italiani vincenti. É DesmoDovi a vincere (guidando sopra i suoi problemi fisici e non) regolando Viñales di 1 secondo e un incredibile Petrucci terzo, con Rossi quarto. Domenica super quindi per la Ducati, che mette due piloti sul podio. Se da una parte si festeggia, dall’altra al box di Borgo Panigale si lavora sodo: la prestazione di Jorge Lorenzo non è soddisfacente nè per lui nè per il team. Dopo la grande partenza, il maiorchino è stato risucchiato dagli inseguitori concludendo ottavo. In netta difficoltà anche le Honda Repsol: entrambi i piloti non sono entrati in sintonia con gli pneumatici, lamentando una carenza di aderenza all’anteriore. Marquez è stato capace di trasformarsi in ragioniere, portando a casa la sesta posizione. Pedrosa invece ha osato troppo concludendo con una caduta all’ultimo giro (e la perdita del secondo posto in campionato) nel tentativo di superare Crutchlow, stendendolo a sua volta: riders fortunatamente ok. Grande gara anche per Bautista, quinto davanti a due campioni del mondo. Bravo anche Zarco, che partito 12esimo riesce a piazzarsi in settima. Iannone decimo soffre ancora di problemi di adattamento con la nuova moto anche se entra in top ten per un soffio alle spalle di Pirro. Tanto rammarico al box Aprilia: Aleix Espargaro non riesce a concludere la gara ritirandosi dopo 8 giri e il suo compagno Lowes chiude in posizione 19 in volata davanti all’unica KTM rimasta, quella di Smith.

dovizioso-vinales.jpg
Troppo Dovizioso anche per Viñales questa domenica: Andrea vince davanti anche ad un sorprendente Petrucci.

Classifica mondiale

1  Maverick Viñales        105
2  Andrea Dovizioso        79
3  Valentino Rossi            75
4  Marq Marquez             68

MXGP

La notizia è sconvolgente e lascia tanto amaro in bocca a tutti gli appassionati che desiderano spettacolo: Tim Gajser purtroppo non correrà il prossimo GP di Russia a causa dei recenti infortuni. Tutta la redazione di Metropolitan gli manda un grosso in bocca al lupo nella speranza di vederlo al più presto in sella per difendere il titolo mondiale!

Annunci