“In riferimento a quando ci siamo cimentati con la retrocompatibilità, posso dirvi che si tratta di una di quelle feature estremamente richieste, ma poco utilizzate.”


E’ così che esordisce Jim Ryan, direttore marketing e di vendite globali del marchio PlayStation.
Molti  dei vecchi giocatori aspettano da anni una buona notizia riguardante questa feature. I grandi classici Playstation che hanno ancora un posto nel cuore di noi appassionati fanno ancora parlare di loro, e infatti il mercato dei grandi titoli d’epoca hanno un mercato ancora piuttosto ampio .
La fiamma della speranza si è intensificata quando anche per X Box One è stata annunciata la retro compatibilità. Ma a quanto pare la risposta è “assolutamente no” per la squadra Sony.
“Sono stato ad un evento di Gran Turismo di recente, dove c’erano i giochi usciti su PS1, PS2, PS3 e PS4. I giochi su PS1 e PS2 sembravano veramente vetusti, perché mai qualcuno vorrebbe volerci giocare?” continua il signor Ryan nell’intervista rilasciata ieri per il magazine Time, e a quanto pare sottolinea la certezza che almeno per il momento, PS4 non porterà avanti nessun progetto a riguardo. Diciamo addio dunque al senso di nostalgia che ci pervade ogni volta che pensiamo ai nostri giochi d’epoca preferiti.

jed.jpg
Immagini del passato annuncio di Jak and Daxter Remastered per PS4

Ma nonostante tutto le nostre mani non rimarranno vuote. Playstation Store è pieno di copie digitali dei grandi classici come Resident Evil o Jak and Daxter, ma non solo!
Ricordiamo anche che molte case si stanno impegnando in questo periodo per portare avanti numerosi progetti remake come Crash Bandicoot, o ancora quello dell’attesissimo Final Fantasy VII che richiede ancora tempo… probabilmente anni. Che sia per questo motivo che PlayStation rimane titubante riguardo alla retrocompatibilità?
L’onda del “ritorno al passato” che si cavalca in questo periodo pare essere l’unica scelta rimasta ai videogiocatori, sia per i nuovi in attesa di giocare i primi capitoli di alcune celebri saghe, sia per i più “anziani” e per il loro affetto sincero che li lega ad alcuni giochi del passato.
I fan, un po’ amareggiati, dovranno quindi andare avanti, togliere la polvere dalla propria console oramai retrò e giocare alle vecchie glorie di un tempo, unica vera alternativa pratica alla speranza che il proprio gioco preferito venga inserito tra i titoli in remastered del futuro.

Patrizia Mancuso

Annunci